Meglio iPhone o Android?

postato in: News | 0

Preferisci essere il più popolare o il più ricco? In estrema sintesi, è questa la battaglia che è stata preannunciata tra Google (GOOG), il sistema operativo Android per gli smartphones contro il sistema operativo della Apple per Iphone (AAPL). Android è segnalato da Canalys per essere divenuto, in ragione della sua grande diffusione, la piattaforma operativa leader per smartphone a livello mondiale; chiaramente, per non essere da meno, iPhone viene invece citato per essere il più redditizio tra gli smartphone.  Quindi meglio iPhone o Android?

Canalys ha pubblicato i dati relativi al quarto trimestre del mercato degli smartphone, i quali mostrano con evidenza che Android è la piattaforma numero uno, avendo raggiunto i 32.9 milioni di contatti, appena al di sopra della piattaforma della Nokia, Symbian, che ha raggiunto i 31 milioni di utenti. Gli analisti osservano che nel quarto trimestre del 2010, i volumi di vendita degli smartphone basati su Google OS (Android, OMS e Tapas) sono stati spinti dalle notevoli prestazioni raggiunte da LG, Samsung, Acer e HTC, i cui volumi sono cresciuti rispettivamente del 4127%, 1474%, 709% e il 371% rispetto all’anno precedente. Da soli, viene fatto notare, HTC e Samsung detengono il 45 percento delle vendite di Google OS.

Nel frattempo, in casa Apple, viene fatto notare che con solo il 4.2 percento del mercato globale dei telefoni mobili, la casa di Cuppertino riesce ad incassare la bellezza del 51 percento degli utili complessivi. Secondo le stime, si ritiene che l’iPhone genererà maggiori guadagni quando si unirà con Verizon Wireless (VZ): sempre secondo ulteriori calcoli, si ritiene che attraverso Verizon le vendite dell’Iphone saliranno a 11 milioni nel 2011, probabilmente conoscendo un ulteriore sviluppo negli anni seguenti, arrivando ad ipotizzare la significativa cifra di 25 milioni di unità. Per il settore smartphone, in generale, il 2010 è stato un anno di grandi progressi e, secondo le proiezioni, il mercato continuerà a migliorare, dopo aver lasciato definitivamente il 2009 alle spalle, con tutte le difficoltà che ha portato.