Una startup sostiene che Huawei abbia rubato segreti commerciali

CNEX Labs, una startup della Silicon Valley, ha accusato l’executive di Huawei Eric Xu di cospirare per la sottrazione di segreti commerciali. La rivelazione, resa pubblica da un caso giudiziario pendente, non ha nulla a che fare con le questioni più grandi e più pressanti di Huawei con il governo degli Stati Uniti. Invece, sembra essere parte di una coppia di duelli legali in lizza che sono state in atto per diversi anni. I problemi sono iniziati nel 2013. L’ingegnere Yiren Huang ha lasciato Huawei nel 2013 e ha formato CNEX. Nel 2017 ha intentato una causa contro Huang, sostenendo che Huang aveva preso in giro dipendenti di Huawei e utilizzato i brevetti del gigante cinese per dare il via alla linea di prodotti di CNEX. CNEX ha presentato una causa di ritorsione con l’affermazione che Huawei stava usando la sua causa come stratagemma per raccogliere più dati su CNEX. La causa di CNEX contro Huawei è prevista per il 3 giugno in Texas. I documenti del tribunale visti dal Wall Street Journal mostrano che Xu “ha diretto un ingegnere di Huawei per analizzare le informazioni tecniche del CNEX”. Si dice che l’ingegnere in questione abbia agito come un potenziale cliente CNEX nel tentativo di ottenere maggiori informazioni sui meccanismi interni di CNEX. Huawei probabilmente non è troppo preoccupata per il risultato di questo piccolo processo in Texas. La società più piccola sostiene inoltre che Xu fosse a conoscenza di uno sforzo per raccogliere dati da una scheda di memoria CNEX ottenuta dalla Xiamen University. Gli avvocati di Xu hanno ammesso che Xu era “nella catena di comando che aveva richiesto” dettagli sul CNEX, anche se non insistevano che i segreti commerciali fossero mai stati rubati. Non è chiaro quando il caso di Huawei contro CNEX sarà avviato. Dati gli eventi degli ultimi sette giorni, Huawei probabilmente non è troppo preoccupata per il risultato di questo piccolo processo in Texas. Il business dei cellulari dell’azienda è sull’orlo della distruzione grazie a un divieto imposto dall’amministrazione Trump. Con partner chiave come Arm, Google, Intel e Qualcomm che si stanno ritirando, Huawei altri pensieri per la testa.